VOTA IL BLOG

Silvio Berlusconi è un cartone animato in Russia

Chi pensi possa battere Berlusconi nel 2013?

View Results

Loading ... Loading ...
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Riceverai gli aggiornamenti del blog direttamente nella tua casella di posta!

Clicca QUI

Tag
Link

di Emanuela Di Capita

Firenze 22-23-24 Ottobre. Riaprire la partita. E’ questo lo slogan scelto da Sinistra Ecologia e Libertà per aprire i lavori del congresso costitutivo dell’omonimo partito guidato da Nichi Vendola.
Un appuntamento da tempo atteso e che ha visto la nascita di una nuova sinistra in grado di dialogare con i maggiori partiti dell’attuale opposizione.
Un’ innovativa forza politica che guarda ad un’ “Italia migliore” come il suo stesso leader afferma.
Passione, politica, eguaglianza, primarie, energia, bellezza sono state le parole chiave del “simposio vendoliano”. Parole, che con la loro voce, hanno infiammato l’animo non solo dei presenti – oltre 1500 delegati – ma anche dei numerosi spettatori sintonizzati su SelTv.

Molti gli ospiti, tra sindacalisti e politici, che hanno onorato con la loro presenza la numerosa platea del Sachall. Da Landini a Fabio Mussi il palco del teatro toscano è stato un susseguirsi di discorsi che, unendo il passato con il presente, hanno volto il loro sguardo verso un’unica ed irripetibile forza di sinistra in grado di riscattare l’osannata Italia migliore.

“Ci battiamo – afferma Vendolacontro un mondo che umilia le persone nella loro condizione di lavoro, nella loro vita privata, nei loro sentimenti. Ci battiamo contro un mondo che trasgredisce al comandamento biblico del custodire la vita del vivente. Ci battiamo contro un mondo che reifica, che trasforma in cose, che dona una condizione esistenziale di alienazione e di precarietà. Ci battiamo contro un mondo in cui la solitudine non è una libera scelta ma è il prodotto finito di una specie di babele consumistica che occupa ormai totalitariamente gli spazi del vivere associato. Ci battiamo contro un mondo che non ha cura, noi che amiamo tanto quella meravigliosa canzone di battiato, vorremmo dire ad ogni persona che è una persona speciale e che noi ci prenderemo cura di lui e di lei e ci prenderemo cura pensando che quella debolezza che quella persona incarna non è un limite, ma è il valore, l’espressione della sua peculiare bellezza. Noi abbiamo bisogno di riscoprire che il contenuto della passione politica è la ricerca della bellezza e la bellezza ha a che fare con il buono, il giusto, il vero, con il pudore. La bellezza ha a che fare con la singolarità straordinaria ed irripetibile di ogni persona. La bellezza è nello sguardo dei bambini che chiedono di essere ascoltati, la bellezza è nella vita nuda che vuole essere tutelata e non mercificata. Noi ci battiamo, compagni e compagne, per un mondo nuovo, per cambiare la politica italiana, per cambiare l’Italia e per far vivere nella politica il segno di una grande speranza.”

Un discorso che ha segnato nel profondo le coscienze, ha emozionato ed ha riacceso la fiamma di quella speranza da troppo tempo spenta e smarrita tra le onde del consumismo e della precaria situazione esistenziale.
Un’incantevole lode alla bellezza della passione politica come scenario di aggregazione sociale, di cambiamento, di riscoperta di ideali e valori.
Parole melodiose con cui Nichi Vendola ha segnato il suo primo goal in quella partita che vuole vincere per cambiare l’Italia e per far vivere nella politica il segno di un grande speranza e questo perchè non esiste alcun cambiamento che ad originarlo non abbia avuto un sogno.

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 10.0/10 (4 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: +4 (from 4 votes)
RIAPRIRE LA PARTITA: NICHI VENDOLA SEGNA IL SUO PRIMO GOAL A FIRENZE, 10.0 out of 10 based on 4 ratings

Lascia un Commento

De Magistris, Donadi e Tinti

Pino Maniaci e Giulio Cavalli

Arianna Ciccone

Perugia: tre ragazzi arrestati. Parla Leonardo.

Il Parco-Discarica delle Testuggini

La realtà “allo Specchio”

Abbiamo deciso di fondare questo blog per il forte interesse che nutriamo per la politica attuale, per le “magagne” attuali, insomma per tutto ciò che, ahimè, ci circonda. Anche il nome di questo blog è molto significativo: innanzitutto, richiama alla mente una massima di uno dei più grandi giornalisti italiani, Enzo Biagi, ma soprattutto ci piaceva l’immagine di questo blog che, come appunto uno specchio, riflette la realtà, riflette SULLA realtà traendo delle conclusioni che, speriamo, siano valide ed utili per noi e per tutti coloro che decideranno di visitare questo blog. D’altronde qual è l’utilità di uno specchio? Vedere, vedersi per rendersi conto di quello che non va, per aggiustarsi, per migliorarsi … ecco, speriamo che questo blog possa “riflettere” il mondo in cui viviamo per meglio capire cosa c’è che non va e , soprattutto, possa FAR riflettere!!! L’interesse, però, non sarà rivolo solo alla politica, ma anche alla musica, alla satira e ad altri “campi” che non vogliamo rivelare per non rovinarvi la “sorpresa”. E allora, buona lettura (e non solo) su “Lo Specchio“!

Pubblicità