VOTA IL BLOG

Silvio Berlusconi è un cartone animato in Russia

Chi pensi possa battere Berlusconi nel 2013?

View Results

Loading ... Loading ...
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Riceverai gli aggiornamenti del blog direttamente nella tua casella di posta!

Clicca QUI

Tag
Link

di Jessica Proni

La verità non è mai una sola, non è mai univoca e ahimè nel nostro mondo ne possiamo sì contare almeno tre: la verità dei fatti, la verità della giustizia e la verità dei media.
Ed io oggi vorrei parlarvi della terza verità poiché è necessario che a questa si sia attenti, siamo noi a scriverla.

Vi porto un esempio di qualche anno fa, siamo nel 2001, in una cittadina a nord della Francia, Outreau. Questo caso fece molto scalpore, si parlava di pedofilia, vennero messi in manette 18 persone: 13 di queste, alla fine del processo dopo anni di carcere, pur essendosi proclamati sempre innocenti, furono assolti, risarciti e ricevettero pubbliche scuse; 4 persone rimasero in galera come rei confessi, avendo loro confessato fin dall’inizio le proprie colpe.
L’ultimo dei 18 che non torna all’appello, alla fine del processo venne riconosciuto innocente, ma si tolse la vita tra le sbarre prima che la sentenza fosse giunta a giudizio.

Il caso di Outreau fa scuola poiché è un particolare caso “da manuale” in cui più che le prove concrete (scientifiche e certe, come ad esempio intercettazioni) vennero tenute in considerazione analisi psicologiche dei presunti pedofili e delle presunte vittime. E’ questo un caso in cui, come sottolinea Florence Aubenas (giornalista divenuta celebre perché rapita in Iraq, che sul caso ha scritto anche un libro), le emozioni della gente entrano nei tribunali e si fanno giustizia: l’indignazione popolare fomentata dai media, accuse irrisorie, non documentate, portate alla gogna dell’informazione ancora acerbe hanno distrutto la vita di persone innocenti e di intere famiglie.

Bisogna sempre essere prudenti, certi di ciò che si dice, di ciò che si pensa anche oltre ogni dubbio, quando questo può danneggiare chicchessia. Sparare a zero prima ancora che i processi siano chiusi o senza che nemmeno siano stati mai aperti non vuol dire fare informazione, ma disinformare il pubblico dando visioni distorte del reale, propinando appunto, una terza verità.

Tornando al presente, mi riferisco a quello che è accaduto per tutta l’estate al Presidente della Camera. Alcune testate d’informazione hanno continuato a tartassare lui e la sua famiglia senza che ci fosse l’ombra di un reato, o di un processo a suo carico.
Come funziona: hanno fatto tanto per creare una legge che limiti il diritto della stampa a promulgare intercettazioni, e senza che ci sia alcuna prova di reato, si contesta una persona, accanendosi e discreditandola agli occhi dell’opinione pubblica?

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un Commento

De Magistris, Donadi e Tinti

Pino Maniaci e Giulio Cavalli

Arianna Ciccone

Perugia: tre ragazzi arrestati. Parla Leonardo.

Il Parco-Discarica delle Testuggini

La realtà “allo Specchio”

Abbiamo deciso di fondare questo blog per il forte interesse che nutriamo per la politica attuale, per le “magagne” attuali, insomma per tutto ciò che, ahimè, ci circonda. Anche il nome di questo blog è molto significativo: innanzitutto, richiama alla mente una massima di uno dei più grandi giornalisti italiani, Enzo Biagi, ma soprattutto ci piaceva l’immagine di questo blog che, come appunto uno specchio, riflette la realtà, riflette SULLA realtà traendo delle conclusioni che, speriamo, siano valide ed utili per noi e per tutti coloro che decideranno di visitare questo blog. D’altronde qual è l’utilità di uno specchio? Vedere, vedersi per rendersi conto di quello che non va, per aggiustarsi, per migliorarsi … ecco, speriamo che questo blog possa “riflettere” il mondo in cui viviamo per meglio capire cosa c’è che non va e , soprattutto, possa FAR riflettere!!! L’interesse, però, non sarà rivolo solo alla politica, ma anche alla musica, alla satira e ad altri “campi” che non vogliamo rivelare per non rovinarvi la “sorpresa”. E allora, buona lettura (e non solo) su “Lo Specchio“!

Pubblicità