VOTA IL BLOG

Silvio Berlusconi è un cartone animato in Russia

Chi pensi possa battere Berlusconi nel 2013?

View Results

Loading ... Loading ...
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Riceverai gli aggiornamenti del blog direttamente nella tua casella di posta!

Clicca QUI

Tag
Link

di Carmine Gazzanni

03084420_alta-largePassano i giorni, ma sembra che le acque per il Vaticano diventino sempre più nere e intorbidite. E, pare, non se ne esca. Padre Federico Lombardi continua a parlare di tentativi accaniti di “coinvolgere personalmente il Santo Padre nella questione degli abusi“, ma pochi sono quelli che ci credono. E non per posizione presa, ma perché i fatti parlano da soli. Aumentano i casi, e le responsabilità stanno varcando le mura vaticane per colpire lo stesso papa, ritenuto colpevole d’aver favorito un prete pedofilo quando era arcivescovo di Monaco e mal gestito il problema come presidente dell’ex Sant’Uffizio.

Tuttavia, più che ricercare casi e notizie, o meglio prima di fare questo, vale la pena soffermarsi sul modo di funzionare della Chiesa Cattolica, penetrare l’enigma della mentalità clericale per orientarsi in questo marasma della pedofilia. La chiesa come istituzione divina si ritiene santa, al di sopra di tutto e normatrice di ogni istituzione terrena, autosufficiente ed indipendente da quanto le è esterno. La sua santità, quindi, va assolutamente difesa: atti criminosi (vedi la pedofilia) che potrebbero originare scandalo vanno coperti e risolti al proprio interno. Ne risulta, necessariamente e inevitabilmente, una mentalità chiusa, difensiva, timorosa e sospettosa d’ogni intervento esterno, che genera, forse anche “a fin di bene”, un comportamento di “santa omertà”.

E chi è che dice questo? Di certo non io, non ho alcuna autorità per fare questo. Ce lo dice la storia.
Il fatto che gli ecclesiastici abbiano pruriti pedofili fin dalla notte dei tempi è realtà storica infatti: un papa, per la precisione Leone X, emanò la Taxa Camerae, un documento vergognoso che promette il perdono in cambio di denaro ( tutti sanno che la simonia è autentico atteggiamento cristiano…).
Leggiamo allora il secondo dei 35 articoli di cui si compone la Taxa: “Se l’ecclesiastico, oltre al peccato di fornicazione chiedesse d’essere assolto dal peccato contro natura o di bestialità, dovrà pagare 219 libbre, 15 soldi. Ma se avesse commesso peccato contro natura con bambini o bestie e non con una donna, pagherà solamente 131 libbre, 15 soldi“. Correva l’anno 1517. E la Chiesa già sapeva, eccome se sapeva.

Non c’è, tuttavia, bisogno di andare così lontano. Nel 1962 il cardinale Ottaviani redige un documento noto come Crimen Sollicitationis, ancora oggi più che valido: è il vademecum che è stato sempre seguito nei casi di pedofilia clericale, anche quelli di cui sentiamo parlare in questi giorni. Tale documento, essenzialmente, prescrive ai vescovi come comportarsi quando un sacerdote viene denunciato per pedofilia. Nel documento c’è scritto, in stampatello e ben evidente: “Servanda diligenter in archivio secreto curiae pro norma interna. Non publicanda nec ullis commentariis augenda“, tradotto: “da conservare con cura negli archivi segreti della Curia come strettamente confidenziale. Da non pubblicare, né da integrare con alcun commento“.

In pratica il Crimen stabiliva che fare se veniva fuori la notizia di un prete pedofilo. Innanzitutto, il processo al sacerdote accusato era un processo diocesano, e a condurlo era il vescovo della diocesi cui il sacerdote apparteneva. Altra prerogativa importante riportata nel documento è quella di porre sullo stesso piano violentatore e violentato, semplicemente perché la condanna è all’atto stesso, a prescindere da come questo sia avvenuto (se ci sono state violenze ad esempio). E questo perché, si legge nel Crimen, tale peccato è commesso dal sacerdote “cum impuberibus“, cioè “con” il bambino, non “contro“.

L’aspetto ancora più importante da sottolineare, oltreché sconcertante, è che, in tutti i 74 articoli di cui il documento è composto, si insiste sempre sulla segretezza. Ciò che conta è celare, nascondere, non far sapere: non c’è nulla che impedisca ai vescovi “se per caso capiti loro di scoprire uno dei loro sottoposti delinquere nell’amministrazione del sacramento della Penitenza, di poter e dover diligentemente monitorare questa persona, ammonirlo e correggerlo e, se il caso lo richiede, sollevarlo da alcune incombenze. Avranno anche la possibilità di trasferirlo …” (art.4)
E se invece c’è una denuncia al vescovo? Anche in questo caso segretezza. Viene fatto giurare a tutti di mantenere il segreto, sotto pena di scomunica. Devono mantenere il segreto i membri del tribunale diocesano che “indagano” sulla denuncia, deve mantenere il segreto l’accusato e devono mantenere il segreto anche gli accusatori e i testimoni, pena la scomunica immediata. Segreto che deve essere mantenuto anche dalla vittima ed eventuali testimoni: “Il giuramento di segretezza deve essere in questi casi fatto fare anche all’accusatore o a quelli che hanno denunciato il prete o ai testimoni“. (art.13). Ci sono, addirittura, formule precise da seguire riportate nel Crimen: “Prometto, mi obbligo e giuro che manterrò inviolabilmente il segreto su ogni e qualsiasi notizia, di cui io sia messo al corrente nell’esercizio del mio incarico, escluse solo quelle legittimamente pubblicate al termine e durante il procedimento“.

Una volta concluso il processo diocesano, se c’erano prove sufficienti a condannare il prete pedofilo (e, caso strano, pare non si siano quasi mai trovate), gli atti dovevano essere trasmessi, sempre in totale segretezza, all’allora Santo Uffizio, poi divenuto Congregazione per la Dottrina della Fede (al cui capo è stato anche Ratzinger; per questo oggi risulta essere coinvolto). In caso non ci fossero prove sufficienti, gli atti dovevano invece essere distrutti.
Ma come mai così poche condanne da parte dei tribunali diocesani? Essenzialmente perchè a decidere se la denuncia è fondata o meno è l’ordinario diocesano, cioè il vescovo. Inoltre il documento prescrive: “Se comunque ci sono indicazioni di un crimine abbastanza serie ma non ancora sufficienti a instituire un processo accusatorio, specialmente quando solo una o due denunce sono state fatte, o quando invece il processo è stato tenuto con diligenza, ma non sono state portate prove, o queste non erano sufficienti, o addirittura si sono trovate molte prove ma con procedure incerte o con procedure carenti, l’accusato dovrebbe essere ammonito paternamente, seriamente, o ancora più seriamente secondo i diversi casi [...] gli atti, come sopra, dovrebbero essere tenuti negli archivi e nel frattempo dovrebbe essere fatto un controllo morale sull’accusato“. Domanda: chi decide se le prove sono consistenti e sufficienti? Sempre l’ordinario diocesano, il vescovo, che, come è capitato sempre, ricorrerà alla possibilità di insabbiare tutto trasferendo il buon sacerdote.

Questo, dunque, è il modo di trattare situazioni poco piacevoli da parte della Nostra Madre  Chiesa: nascondere, nascondere, nascondere. E intanto le vittime diventano migliaia.
Sant’Agosino diceva: “La punizione è giustizia per l’ingiusto”. E si sa, Sant’Agostino era un famoso blasfemo eretico!

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 0 (from 0 votes)

Un Commento a “GLI ABUSI SECOLARI PERMESSI DA “NOSTRA MADRE CHIESA””

  • Antonella scrive:

    dalle mie parti un antico proverbio dice “fa cumu u prievite dicia e no cumu u privite facia”. tradotto significa: fai quello che il prete predica e non quello che il prete fa…

    VA:F [1.9.6_1107]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.6_1107]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un Commento

De Magistris, Donadi e Tinti

Pino Maniaci e Giulio Cavalli

Arianna Ciccone

Perugia: tre ragazzi arrestati. Parla Leonardo.

Il Parco-Discarica delle Testuggini

La realtà “allo Specchio”

Abbiamo deciso di fondare questo blog per il forte interesse che nutriamo per la politica attuale, per le “magagne” attuali, insomma per tutto ciò che, ahimè, ci circonda. Anche il nome di questo blog è molto significativo: innanzitutto, richiama alla mente una massima di uno dei più grandi giornalisti italiani, Enzo Biagi, ma soprattutto ci piaceva l’immagine di questo blog che, come appunto uno specchio, riflette la realtà, riflette SULLA realtà traendo delle conclusioni che, speriamo, siano valide ed utili per noi e per tutti coloro che decideranno di visitare questo blog. D’altronde qual è l’utilità di uno specchio? Vedere, vedersi per rendersi conto di quello che non va, per aggiustarsi, per migliorarsi … ecco, speriamo che questo blog possa “riflettere” il mondo in cui viviamo per meglio capire cosa c’è che non va e , soprattutto, possa FAR riflettere!!! L’interesse, però, non sarà rivolo solo alla politica, ma anche alla musica, alla satira e ad altri “campi” che non vogliamo rivelare per non rovinarvi la “sorpresa”. E allora, buona lettura (e non solo) su “Lo Specchio“!

Pubblicità