VOTA IL BLOG

Silvio Berlusconi è un cartone animato in Russia

Chi pensi possa battere Berlusconi nel 2013?

View Results

Loading ... Loading ...
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Riceverai gli aggiornamenti del blog direttamente nella tua casella di posta!

Clicca QUI

Tag
Link

Archivi per la categoria ‘Politica’

9 Maggio 1978. Sono passati 33 anni da quando Peppino Impastato, con la sua Radio Aut, dal piccolo paese di Cinisi alle porte di Palermo,venne ucciso perché era una voce scomoda. Era troppo ingombrante per la mafia e per Tano Badalamenti, il boss di Cinisi che abitava a soli cento passi da casa di Peppino. Badalamenti che, nel vero senso della parola, regnava. Sì, perché questo è quello che fa la mafia: regna, governa, domina. Sostituisce in tutte le sue funzioni lo Stato che, pian piano, soprattutto in questi piccoli paesi di provincia, scompare fino a diventare invisibile (e a volte complice). Ieri come oggi.

Ma a Peppino non andava giù questa situazione. E allora cominciò a parlare, a raccontare, a diffondere, a colpire, ad affondare con la semplice arma della verità. E questo gli costò la vita: lo assassinarono in modo atroce, mettendogli nel petto, dopo averlo legato sulle rotaie della ferrovia, una carica di tritolo. L’esplosione fu forte, ma nessuno volle sentire: il 9 maggio 1978 Peppino Impastato saltava per aria nel silenzio omertoso e criminale di tutto un paese. E i giorni dopo, al silenzio drammatico di Cinisi, si aggiunsero accuse di uomini deliranti: molti giornali catalogarono quel delitto di mafia come un “incidente” capitato ad un ”terrorista” che stava per compiere un attentato. E così nessuno se ne occupò più di tanto, anche perché nello stesso giorno venne ritrovato il corpo di Aldo Moro. Peppino, dunque, non era nessuno, era un delinquente, terrorista, comunista. Si sbagliavano: era un uomo (trentenne) morto ammazzato perché aveva parlato per la verità, aveva parlato contro la mafia.

Sono passati trentatre anni da allora e pare che molte cose non siano affatto cambiate. Ieri come oggi è molto scomodo parlare e dar libero spazio alla verità; si cerca, anzi, di proibirlo: come chiamereste coloro che tentano di negare questa fondamentale libertà (quella di espressione e di informazione) se non “mafiosi”? Non sono forse i mafiosi che fanno di tutto per azzittire chi rivela verità scomode? E cosa si sta facendo oggi con le leggi contro le intercettazioni se non esattamente questo? Certo i metodi saranno diversi, qui si parla di metodi “para-isituzionali”, ma la logica, l’ottica è chiaramente la stessa: una logica drammaticamente, perversamente, irrimediabilmente mafiosa.

Le mafie oggi sono cresciute, sono diventate più potenti, in molti casi hanno messo le radici nelle istituzioni. Ma la morte di Peppino non è stata vana. Né la sua, né quella degli altri nove giornalisti uccisi dalle mafie perché voci fuori dal coro omertoso. Nessuno di loro è morto senza lasciarci qualcosa: testimonianza, forza, verità. E anche oggi abbiamo i nostri Impastato, i nostri Peppino che gridano, denunciano, lottano senza alcun timore, senza mai fare un passo indietro perché coscienti e convinti che questa è l’Italia sana, vera, nobile. Questa è l’Italia d’onore! Roberto Saviano, Pino Maniaci, Giulio Cavalli, Emiliano Morrone, Lirio Abbate, Rosaria Capacchione e tutti quanti gli altri che, anche nel silenzio, lottano e combattono.

E’ necessario, allora, che l’Italia ricominci ad avere coscienza delle cose, ricominci a costruire una cultura antimafia: non si possono elogiare, applaudire, quasi onorare uomini politici che affermano che la mafia italiana risulterebbe essere la sesta al mondo ma è quella più conosciuta perchèle otto serie de “La piovra” […] e tutto il resto, tutta la letteratura, il supporto culturale,Gomorra e tutto il restogli fanno pubblicità. Questa è cultura “mafiosa” perchè si delegittima la verità, si delegittima la dignità della lotta al crimine. Dobbiamo ricominciare a riconoscere, a discernere, a chiamare le cose col proprio nome.

E il nome di Peppino Impastato è molto più forte di queste assurde affermazioni. E’ molto più forte di chi delegittima, imbavaglia, zittisce. La voce della verità è molto più forte di qualsiasi organizzazione mafiosa.

Peppino è vivo e lotta in mezzo a noi! Le nostre idee non moriranno mai!!!

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 9.8/10 (4 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: +3 (from 3 votes)

di Andrea Vetere

Ha comprato una villa a Lampedusa, ha ipotizzato un campo da golf, un casinò. Proporrà l’isola di Lampedusa come candidata al Nobel per la pace. Libererà l’isola dagli immigrati in 48-60 ore.

Frattanto, a Roma, il suo partito propone alla Camera un’inversione dell’ordine del giorno per discutere per primo l’ultimo dei punti: il fantomatico processo breve. Il tutto mentre la nostra attenzione è dedicata allo spettacolo clownesco a Lampedusa: “Sa giocare a scopa? Bene, la invito a giocare a scopa e ne parleremo”.

Poi, una capatina alla nuova villa, che gli permette di giustificare un discorso che, ad ogni modo, resta un’idiozia. Riassumendo, il Presidente del Consiglio vuol dare ai lampedusani una prova certa della sua attenzione per l’isola. Si chiede quale possa essere una buona prova e alla fine giunge alla geniale soluzione: devo essere uno di voi. E allora il cittadino Silvio B. compra villa Due Palme.

Così, curando il bene dell’isola farò il mio interesse o facendo il mio interesse farò il bene dell’isola. Il succo era questo, insomma.

Come dire, l’unico modo che ho per dimostrarvelo è fare in modo che convenga a me, così starete ben certi che lo farò.

Ma ragionateci: non vuol dire, un simile argomentare, ammettere amenamente che solitamente il ragionamento da fare è quello? (Lo faccio perché conviene anche a me!)

Sono legittimato, dunque, a pensare che valga lo stesso per la rediviva proposta di legge sul processo breve, restata quiescente per un anno intero? E risvegliatasi proprio quando sono stati bocciati il lodo Alfano e, parzialmente, il legittimo impedimento?

Altra prova, questa, che forse il processo breve serve proprio a chi era protetto dalle altre due leggi: se fosse stata per tutti i cittadini si sarebbe potuta discutere in tutto l’anno passato!

Che poi, e questa mi fa ridere, ci dicono che questo intervento ce lo chiede l’Europa. Fesseria bella e buona: l’Europa ci chiede processi veloci, agili ma non processi che quasi certamente finiscono per prescrizione. Siamo tenuti a tutelare non solo il diritto che ha l’indagato a veder risolta presto la propria situazione, a veder scomparire la spada di Damocle che pende sul proprio capo nell’incertezza dell’esito del processo.

Ma non possiamo prescindere dal diritto delle parti lese dai reati all’individuazione dei colpevoli di essi, non tanto per la ricerca di un capro espiatorio quanto invece per gli effetti civili: il colpevole sarà tenuto a risarcire i danni causati dal fatto illecito. Capirete bene che processi veloci ed efficaci possono aversi (altrove esistono) e che sono preferibili a processi vani (dato che facilmente i reati si prescriveranno).

Beh, tanto agli italiani interessa molto più che il capetto di turno sia impunito, che importa se per ottenerlo qualche migliaio di soggetti lesi non potrà mai accertare da chi è stato leso. L’importante è che si farà il campo da golf a Lampedusa. E il casinò, ovviamente. Siamo sicuri che non volesse dire casino? Pare abbia esperienza nel settore.

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 0 (from 2 votes)

di Carmine Gazzanni

Centocinquantesimo anno dall’Unità d’Italia. Alcune dichiarazioni e “modi di fare” squisitamente leghisti. “Domani non sarò presente alla commemorazione in Aula alla Camera. Sarò sul territorio. A mio modo di vedere le strumentalizzazioni costruite anche contro la Lega sui 150 anni dell’Unità d’Italia alle quali abbiamo assistito in questi giorni non servono a nulla”. Questo è quello che ha affermato ieri Federico Bricolo, presidente della Lega Nord a Palazzo Madama.

150 anni di centralismo, che guasti”: è il titolo a due pagine che, oggi 17 marzo, centocinquantesimo anno dall’Unità d’Italia, la “Padania” mette in prima pagina. E ancora: “Festeggiamo l’addio ai parassiti uniti nel federalismo”.

In molte città nessun esponente della Lega Nord ha partecipato alle cerimonie organizzate per commemorare l’Unità d’Italia. Nemmeno a Torino, sebbene il Presidente della Regione sia un leghista. A Milano, invece, il capogruppo al Comune di Milano della Lega Matteo Salvini si trova ad un banchetto all’ingresso della galleria Vittorio Emanuele: distribuisce bandiere di Milano, cartoline storiche della città e adesivi del Carroccio.

E ancora. Al Pirellone, sede del Consiglio regionale lombardo, due giorni fa i consiglieri della Lega Nord non hanno partecipato all’esecuzione dell’Inno di Mameli che ha aperto la seduta dell’assemblea, secondo quanto stabilisce la legge lombarda per le celebrazioni dei 150 anni dell’unità d’Italia, legge che il Carroccio non ha votato. In aula c’era solo il presidente del Consiglio regionale Davide Boni che, ha spiegato, “ha assicurato la sua presenza” soltanto “per il ruolo istituzionale”. Gli altri leghisti, fra cui gli assessori e Renzo Bossi, sono rimasti alla bouvette a prendere un caffè e a fare colazione.

E non è stato un caso isolato quello lombardo: polemiche anche a Genova nella solenne seduta congiunta dei consigli della Regione Liguria, del Comune e della Provincia per i 150 dell’Unità d’Italia. La Lega Nord qui non si è presentata alle celebrazioni. Stessa cosa dicasi in Emilia Romagna: i consiglieri regionali della Lega Nord, ieri, ricalcando un po’ le “gesta” degli amici lombardi, hanno disertato l’aula mentre era in corso la seduta solenne per i 150 anni dell’Unità d’Italia. D’altronde anche la stragrande maggioranza dei parlamentari leghisti ha assicurato che oggi diserterà i festeggiamenti e non parteciperà alla seduta a Camere riunite del Parlamento.

E non mancano nemmeno le proposte assurde, in perfetto stile padano. Ricordiamo, su tutte, quella di Cavallotto: “In occasione del centocinquantesimo anniversario dell’unità di questo Paese ritengo fondamentale il riconoscimento ufficiale della lingua piemontese. La prima lingua del Parlamento italiano non è solo proprietà dei piemontesi, ma è patrimonio storico di tutto il Paese giacchè ha contribuito alla nascita di questo Stato”. Ma d’altronde sono tanti quelli che continuano a blaterare, vomitando parole insensate. Come il capodelegazione della Lega Nord all’europarlamento, Francesco Speroni: “L’unità d’Italia non è un evento da festeggiare”. Anzi, “sarebbe stato meglio se non ci fosse stata perchè così la Padania sarebbe più ricca”. E ancora: “Quando ascolto l’inno di Mameli provo fastidio, perchè mi sento un pò oppresso da chi mi ha conquistato”. Infine: “non esporrei mai dal balcone di casa mia il tricolore”. E non è l’unico. Uno dei gotha della Lega, Mario Borghezio (pregiudicato) questa mattina,intervistato a “Omnibus” su LA7, ha dichiarato: “E’ fuori luogo buttare via tutti questi soldi […] Il destino, il vento della storia porterà a due Italie”.

Certo, dichiarazioni di questo tipo lasciano attoniti. Ma oggi non bisogna dare peso a uomini e donne vuote, che sbraitano, latrano, ululano suoni incomprensibili. Come se fossero tra loro in competizione nel riuscire a proferire le parole più insensate e, in questo, assolutamente leghiste. Ma, per fortuna, Dio ce ne scansi, l’Italia è altro.

L’Italia non è la Lega Nord: loro, forse, dal loro scranno di presunzione e arroganza da prendere a schiaffi, diranno di non aspirare affatto ad esserlo. Ma la questione è un’altra: siamo noi, gente italiana fiera di esserlo, a non voler riconoscere loro come italiani. Sebbene quanto descritto sopra faccia cadere le braccia, stringere i pugni e digrignare i denti, non siamo pochi a pensarla in questo modo. Lo dicono i dati (sondaggio condotto da Demos): quasi il 90% degli italiani (intervistati nel corso dell’indagine) considera in modo positivo la conquista dell’Unità. Di questi il 56% la giudica “positiva” e il 33% “molto positiva”. Checché se ne dica, è un sentimento condiviso dovunque: la Lega, così forte politicamente, quasi imbattibile, è da sola, snobbata oggi da tutti, abbandonata alle sue idee strampalate, anacronistiche, tragicomiche. Così come lo sono le loro iniziative e i loro modi di fare.

Mi spiace, gente del carroccio, ma oggi non vincete voi. Non vince Umberto Bossi con tutto il suo seguito di cravatte verdi. Non vincono le disertazioni o le dichiarazioni impietose dei padani. Oggi vince la Patria, vince l’Inno di Mameli, vince l’Unità, il Tricolore, l’unica Vera Bandiera Italiana. Vincono Cavour, Mazzini, Garibaldi. Vincono tutti quegli italiani che sono morti, che hanno sacrificato la loro vita affinchè oggi noi festeggiassimo.

Vince l’Italia Unita, contro cui quel carroccio di legno su cui viaggiate si è fracassato, si è distrutto. Il verde che tanto amate altro non è che la prima delle tre strisce di un’unica grande bandiera, alla quale voi – e ne sono contento – non potete appartenere.

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: +1 (from 1 vote)

di Vincenzo Barbato

Tutto quello che sta succedendo in Libia è un surrogato di mala politica, misto ad interessi aziendali delle multinazionali energetiche da cui anche noi abbiamo tratto vantaggio. Ora è tempo di saldare il conto: dobbiamo avere anche noi sulla coscienza queste migliaia di morti  perché non abbiamo impedito ai governi di destra e di sinistra di fermare gli accordi che abbiamo stipulato sulla convenienza energetica.
E’ un errore nostro dato dalla nostra ignoranza e mancanza di cultura in materia energetica. Tutto è guidato da aziende come la nostra cara Eni. A proposito: vi chiedete perché mai c’è un cane a sei zampe nel logo? Perché è una chimera, una chimera assurda che negli ultimi 50 anni ha voluto far passare il messaggio che bruciare petrolio porta un alta crescita economica (solo dei loro soci ovviamente) e sviluppo della società!
Sento imprenditori che parlano bene del nucleare, fingono di applicare la democrazia anche in uno spot nel quale moostrano un confronto tra favrevoli e contrari al nucleare quando, in realtà, già hanno deciso, non dicono la verità, ovvero che il nucleare è una tecnologia morta perché 500 centrali danno il 5% dell energia del mondo; non dicono che il processo di costruzione+smantellamento (12 anni), approvvigionamento di uranio (scavare e comprare) sono così energeticamente costosi che alla fine l’ energia prodotta è già consumata più di quella in uscita nel processo di fusione. Anche economicamente, poi, sono svantaggiose: ecco perché non sono private, ma pagate con le tasse della gente!

Quando sento queste falsità raccontate nelle varie pubblicità vorrei svegliarmi  dall’incubo per riderci sopra. Ma purtroppo è vero, e nessun maledetto media dice qualcosa sulle soluzioni offerte dalle rinnovabili, sia per i trasporti, sia per la fornitura energetica globale!! Nessun dannato media.

Mi piace però distaccarmi dai discorsi inconcludenti dei politici o degli scienziati pagati per non fare il loro mestiere. Vi do qui due dati scientifici, che a differenza delle opinioni sono inoppugnabili!

  1. Physorg, una delle riviste scientifiche più famose al mondo ha pubblicato un post secondo cui entro il 2030 l’energia rinnovabile scalzerà al 100% quelle fossili. Qui l’articolo.
  2. Quali sono queste fonti di energia? Clicca qui.
  3. Altri modi per produrre energia gratis ed illimitata? Clicca qui.

Ecco qui, la soluzione è così lampante e semplice che farebbe rabbrividire chiunque, ma in TV vi fanno vedere persone che si scervellano, si contorcono perché non riescono a trovare soluzioni, come Chicco Testa, e parlano di investire quì o investire lì, CAZZATE.
Quindi bisogna informare tutti, non parlate al bar di calcio o di Grande Fratello con gli amici, condividete questi filmati, condividete perché è la cultura che salva il mondo e non i politici, le leggi o tanto meno la finta democrazia in cui viviamo, un popolo acculturato è un popolo libero, critico e svelto nell avvistamento di truffe! Muovetevi!

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: +1 (from 1 vote)

di Carmine Gazzanni

Flop, flop e ancora flop. Questi ultimi due giorni il popolo dei Berluscones si è messo in moto per fare scudo, per difendere e proteggere fino allo sfinimento quel “culo flaccido” che tanto gli è caro.

E infatti, mentre Silvio Berlusconi tenta di inventare nuovi slogan per delegittimare l’operato della magistratura, fallito il tentativo di portare dalla sua anche Giorgio Napolitano il quale ha alzato un muro ricordando che “il giusto processo è garantito dalla Carta”, per cui “basta strappi sulla giustizia”; ebbene, mentre l’attività politica del nostro Paese è ormai incollata su tali questioni, il Pdl ha deciso di scendere in campo.

Ecco allora la manifestazione di ieri, il sit-in davanti al Palazzo di Giustizia di Milano. Era stato annunciato a gran voce: “In piazza contro il golpe” era addirittura il titolo d’apertura de “Il Giornale” di ieri. Tanti annunci, poi. Si parlava della presenza dei ministri Ignazio La Russa, Mariastella Gelmini, Paolo Romani e Michela Brambilla. Hanno tutti disertato. La titolare dell’Istruzione aveva annunciato a Maurizio Belpietro, durante il programma Mattino 5, che non avrebbe partecipato all’iniziativa perché “come ministro ritengo non sia opportuno”. Si era però affrettata ad aggiungere, a scanso di equivoci con il suo leader, che “deve comunque fare riflettere che molti cittadini abbiano deciso spontaneamente di manifestare contro un accanimento giudiziario nei confronti del premier che dura ormai da 17 anni”.

Nessun politico e un totale di 100, 150 militanti del Pdl davanti al Palazzo di Giustizia per “l’imponente (o impotente?) manifestazione” in difesa di Berlusconi.

E oggi il flop si è ripetuto. Probabilmente anche più fragoroso di ieri. Alcuni Berluscones, con in testa il capopopolo Giuliano Ferrara, hanno organizzato un evento contro i “neopuritani” e falsi moralisti(?). “In mutande, ma vivi”. Sembrerebbe il titolo di una di quelle commedie all’italiana degli anni ’70. E invece no: siamo nel 2011. E non ci sono Lino Banfi o Edvige Fenech, ma Iva Zanicchi, Alessandro Sallusti, Daniela Santanchè, Piero Ostellino, Ignazio La Russa.

I 1500 posti del teatro Dal Verme erano occupati, ma il flop c’è stato comunque. Basta ricordare quanto detto dai presenti per rendersene conto. “Presidente, noi la sosteniamo, ma deve ascoltarci – ha affermato Ferrara – Non riduca le sue giornate alle giornate di un imputato. Lei deve fare il presidente del Consiglio, il capo dell’Italia”. Peccato che la Costituzione dica altro. Articolo 3: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”. Cosa vuol dire? Semplice: se una persona è imputata, anche se è Presidente del Consiglio, non smette di esserlo per via del suo incarico. Dunque non si tratta, come dice Ferrara, di non fare l’imputato perché si è Presidente del Consiglio.

E poi è toccato al Sottosegretario Daniela Santanchè, la quale ha rilanciato nuovamente l’idea di una manifestazione di piazza contro i giudici e a sostegno del premier: “Non so se si farà una grande manifestazione – ha spiegato – ma credo per il sentire, andando in mezzo alla gente, che sia giusto fare una grande manifestazione di piazza. Io la auspico”. Basti ricordare quante persone erano presenti davanti al Palazzo di Giustizia a Milano per rendersi conto dell’attendibilità delle parole della Santanchè.

E ancora Ignazio La Russa. Ci sono stati momenti di tensione, infatti, quando si è avvicinato al Ministro della Difesa il giornalista di Annozero Corrado Formigli, il quale voleva porre semplici domande. Il video parla da sé: arroganza, presunzione, offese da parte di La Russa. Fino alle pedate, come testimonia il video. D’altronde Ignazio La Russa non è nuovo a questi atteggiamenti fascisti. Come non ricordare, ad esempio, la performance di cui fu protagonista ad Annozero, con insulti rifilati ad un giovane studente che difendeva e spiegava le ragioni del movimento studentesco contro la Riforma Gelmini. O ancora le immagini riprese dalle telecamere di mezzo mondo durante una conferenza stampa di Silvio Berlusconi, quando spintonò, prese per il bavero e mise una mano in testa al giornalista free-press Rocco Carlomagno. Cosa volete: il ministro della difesa ogni tanto riscopre il suo passato di picchiatore fascista e aggredisce chi non la pensa esattamente come lui vorrebbe.

Flop su flop, dunque. Manifestazioni sterili e vuote di significato. Da vero Pdl.

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 6.0/10 (4 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: +1 (from 3 votes)

di Carmine Gazzanni

Ancora una volta ieri Gaspare Spatuzza è stato sentito dai magistrati. Un’ennesima deposizione nell’ambito dell’inchiesta sulle stragi mafiose, in cui è rispuntato il nome di Silvio Berlusconi. Mentre, infatti, la Procura di Milano, sebbene osteggiata a più riprese dai Berluscones, continua a portare avanti le indagini sulle minorenni ad Arcore e sulle notti del bunga-bunga, i magistrati di Palermo da una parte, e quelli di Firenze dall’altra stanno svelando importanti particolari sulle stragi mafiose del ’93 e del ’94, finora restate celate o comunque poco chiare.

I magistrati stanno cercando di mettere insieme i vari pezzi, ma sembrerebbe proprio che tutto faccia pensare ad un coinvolgimento di Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri negli affari malavitosi di Cosa Nostra. Se si appurasse questo, certamente potrebbe essere riaperta nei confronti del premier un’inchiesta giudiziaria per mafia archiviata, nella quale già era stato coinvolto proprio con Dell’Utri. Stiamo parlando del fascicolo 11531, fascicolo nel quale i mandanti – tutto’oggi a volto coperto – venivano chiamatiAutore 1” e “Autore 2”. Ora sembra possano finalmente avere un nome. Gli indagati, per lo meno, potrebbero esserci. Per la cronaca: tra Firenze, Roma e Milano ci furono 10 morti e 106 feriti.

E ieri Spatuzza ha ricostruito proprio l’attentato in Via dei Gergofili. Durante la ricostruzione il pentito ha aggiunto che in un incontro con altri mafiosi, Pietro Romeo e Francesco Giuliano, avrebbe dovuto tranquillizzarli sull’opportunità delle stragi perché “avevano (i boss di Cosa Nostra, ndr) puntato molto su questo soggetto politico che si stava formando, Forza Italia e Berlusconi”. “Così – aggiunge - in una confidenza a tutti e due, Romeo e Giuliano, dissi a entrambi per tranquillizzarli che ‘siamo in mani buone’, siccome era nato questo soggetto politico che si chiama Forza Italia”.

Ancora una volta, dunque, come detto, i nomi di Silvio Berlusconi e di Marcello Dell’Utri legati a Cosa Nostra nel periodo più tragico della loro attività criminale. E non è nemmeno la prima volta che emerge nel corso di quest’indagine. Soltanto alcuni giorni fa un altro pentito, Giovanni Ciaramitaro, ha dichiarato: “Francesco Giuliano mi disse che erano stati dei politici a dirgli questi obiettivi, questi suggerimenti”, per le stragi del 1993 “e in un’altra occasione mi fece il nome di Berlusconi”. Dopodiché ha precisato che “la ragione delle stragi era l’abolizione del 41 bis, l’abolizione delle leggi sulla mafia. Le bombe le mettevano per scendere a patti con lo Stato. C’erano dei politici che indicavano quali obiettivi colpire con le bombe: andate a metterle alle opere d’arte”. E chi erano questi “politici”? Ciaramitaro l’ha precisato: ”chiesi a Giuliano perché dovevamo colpire i monumenti e le cose di valore fuori dalla Sicilia. Lui mi disse che ci stava questo politico, che ancora non era un politico, ma che quando sarebbe diventato presidente del Consiglio avrebbe abolito queste leggi. Poi mi disse che era Berlusconi”.

Sembrerebbe, dunque, che Silvio Berlusconi sia coinvolto (e non poco) negli anni stragisti. D’altronde anche la sentenza Dell’Utri  del processo d’appello aiuta a chiarire un quadro che già di per sé fa rabbrividire. Dell’Utri, si legge nelle 641 pagine della sentenza, “ha apportato un consapevole e valido contributo al consolidamento e al rafforzamento del sodalizio mafioso”. In particolare, avrebbe consentito ai boss di “agganciare” per molti anni Silvio Berlusconi, “una delle più promettenti realtà imprenditoriali di quel periodo che di lì a qualche anno sarebbe diventata un vero e proprio impero finanziario ed economico”. Per questi motivi la Corte ritiene “certamente configurabile a carico di Dell’Utri il contestato reato associativo”. Ed è per questi motivi che Marcello Dell’Utri, lo scorso 29 giugno è stato condannato in appello a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa.

E quali sono state le prove schiaccianti e che potrebbero esserlo anche in queste nuove indagini? Cominciamo da quanto emerge da microspie e intercettazioni in casa del boss Giuseppe Guttadauro. Il capomafia afferma: “Con Dell’Utri bisogna parlare”, anche se “alle elezioni del ’99 ha preso degli impegni, e poi non s’è fatto più vedere”; sempre Guttadauro viene intercettato mentre parla degli accordi presi da Dell’Utri con un capomafia che si chiama Gioacchino Capizzi;  intercettazioni in un’autoscuola con gli uomini di Provenzano dentro una macchina dell’autoscuola, che parlano delle elezioni europee del 99 e dicono “ dobbiamo sostenere Dell’Utri, altrimenti i giudici lo fottono” (lo dobbiamo mandare al Parlamento Europeo, altrimenti lo arrestano). Ma ancora non è finita: c’è libro mastro trovato nel covo della famiglia di San Lorenzo a Palermo con scritta una cifra e vicino “Canale Cinque”, un versamento che la Fininvest faceva per le antenne di Canale Cinque nel quartiere di San Lorenzo alla mafia.

E poi tutte le dichiarazioni dei pentiti. Antonio Calderone, boss della mafia catanese negli anni ’70, sostenne che festeggiò il suo compleanno nel ’76 a Milano con Dell’Utri, Mangano e Nino Grado. Dell’Utri stesso, in realtà, ha confermato di aver preso parte all’incontro, ma con una singolare dichiarazione: “Proprio perché mi ero reso conto della personalità del Mangano (che rimane tuttavia un eroe, ndr) avevo un certo timore nei suoi confronti, e quando lo incontravo non lo respingevo, ma accettavo la sua compagnia. […] Nella circostanza ho pranzato con il Mangano e con queste altre persone, che egli mi avrà presentato, senza farmene i nomi”.
Calogero Ganci, uno dei protagonisti della strage di Capaci. Ganci, invece, ha affermato che dal 1986 la Fininvest avrebbe versato denaro ai corleonesi.
E ancora. C’è Filippo Alberto Rapisarda, per il quale Dell’Utri ha lavorato nel ’77-’79. I giudici affermano che in una dichiarazione “il Rapisarda aveva riferito di avere incontrato […] il Bontate e il Teresi (i capi della mafia dell’epoca, prima di Riina, ndr) e di avere appreso da quest’ultimo che stava per entrare in società con Silvio Berlusconi in un’azienda televisiva per la quale occorrevano 10 miliardi”.
C’è Totò Cancemi, capo della famiglia di Porta Nuova (la stessa di Mangano). Anche lui pentito, anche lui ha parlato dei fondi Fininvest alla mafia per installare le antenne: “Riina precisò che, secondo degli accordi stabiliti con Dell’Utri, che faceva da emissario per conto di Berlusconi, gli arrivavano 200 milioni l’anno in più rate, in quanto erano dislocate a Palermo più antenne”.
E infine c’è l’ex boss di Altofonte, Francesco Di Carlo, che racconta ai giudici di un incontro molto importante avvenuto, secondo il pentito, in un bar vicino la lavanderia di Gaetano Cinà (grande amico di Dell’Utri, e anche lui condannato, come l’amico, per associazione mafiosa): “a venirci incontro è stato proprio Dell’Utri e ci ha salutati […] Con il Grado (Nino, ndr) che si conoscevano bene hanno avuto battute di scherzo. […] Dopo un quarto d’ora, è spuntato questo signore sui 30 anni  e rotti, e hanno presentato il dottore Berlusconi a tutti”.

Nella sentenza, inoltre, si delinea anche il ruolo di Vittorio Mangano, il quale fu assunto non per curare i cavalli (come continuano a sostenere imperterriti gli uomini di B.), ma per difendere l’incolumità di Silvio Berlusconi. Quando “l’eroe” arrivò a Milano era già stato in carcere tre volte. Nel 1967 era stato diffidato come “persona pericolosa”, poi era finito sotto inchiesta per reati che vanno dalla ricettazione alla tentata estorsione e nel 1972 era stato fermato in auto con un mafioso trafficante di droga. Ad Arcore Mangano porta a scuola i figli di Berlusconi, ma, come detto, la vera funzione di Mangano era quella di proteggere Berlusconi da possibili rapimenti (d’altronde lo stesso Berlusconi ammise di aver trasferito la famiglia in Spagna per qualche mese, in seguito a una serie di minacce). Stando a un rapporto della Digos del 1984, Mangano restò ad Arcore due anni, durante i quali fu arrestato altre due volte per scontare condanne per truffa, porto di coltello e ricettazione. Da un foglio di dimissioni dal carcere risulta che Mangano, ancora il 6 dicembre 1975, aveva domicilio sempre ad Arcore. Ma nonostante gli arresti, nessuno, né Dell’Utri né tantomeno Berlusconi, lo licenziava. In un rapporto dei Carabinieri di Arcore del 30 dicembre 1974 si legge: “Dell’Utri (…) ha chiamato Mangano pur essendo perfettamente a conoscenza (…) del suo poco corretto passato”.

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: +1 (from 1 vote)

di Carmine Gazzanni

Oramai Silvio Berlusconi non si contiene più: parla, grida, offende senza alcun freno. Come se tutto gli fosse dovuto e permesso. E allora, dopo essersela presa con chiunque – dai magistrati ai giornalisti, fino all’opposizione – ecco che irrompe anche a “L’Infedele”. E perché mai? Magari per intervenire nella trasmissione in maniera assolutamente democratica? Assolutamente no. Soltanto per offendere, insultare, infangare una trasmissione, quella di Gad Lerner, che ieri sera ha affrontato lo scandalo Ruby in maniera molto dettagliata e, forse, proprio questo è stato il motivo dell’ira di Berlusconi. Le offese sono cominciate da subito: “Una trasmissione disgustosa, una conduzione spregevole, turpe, ripugnante”. E poi continua: “Ho sentito delle tesi false, lontano dal vero ho visto una ricostruzione della realtà lontano dal vero”.

E, dopo un breve incipit che lascia capire quale siano le maniere affabili del nostro Presidente del Consiglio, via con lo sperticato elogio a Nicole Minetti: “Avete offeso la signora Minetti che è una splendida persona, intelligente, preparata, seria. Si è laureata con 110 e lode, di madre lingua inglese e si è pagata gli studi lavorando”. Ma soffermiamoci un attimo su questa “laude” perché sembrerebbe assolutamente innocua, ma è rivelatrice della pochezza degli argomenti del nostro premier. Innanzitutto Silvio Berlusconi interviene nel programma per rivelare alcune falsità dette sul caso Ruby. Peccato poi non ne dica nemmeno una. Cosa pensare, allora? Probabilmente non ce n’erano e il premier, se così fosse, ha chiamato più per timore, per delegittimare quanto si era detto in puntata e non per provarne una presunta falsità delle tesi esposte. Ma ancora. Berlusconi incalza dichiarando che la Minetti è “è una splendida persona, intelligente, preparata, seria” e via dicendo. Verrebbe da chiedersi, come direbbe Antonio Di Pietro: “ma che c’azzecca?”. Nella puntata de “L’Infedele”, infatti, non si sono messe in discussione le qualità della Minetti (che comunque rimangono sindacabili, dato che la giovane politicante non ha fatto la benché minima gavetta). In più bisogna considerare che queste peculiarità elencate da Berlusconi sono assolutamente soggettive, per cui non si può avere la presunzione e l’arroganza – propria del nostro Presidente del Consiglio e palesata ancora ieri – di parlare di “intelligenza”, “serietà”, “preparazione” come se si stesse predicando il Vangelo. Una persona che per Berlusconi potrà sembrare intelligente, magari per un’altra persona non lo sarà.

Ma, detto questo – evidenziata dunque l’arroganza di Berlusconi – ancora un altro aspetto: il premier vorrebbe difendere la consigliera regionale, ma non fa alcun minimo riferimento alla vicenda. Parla della laurea con il massimo dei voti (embè?), della conoscenza dell’inglese (e quindi?), degli studi che si è pagata autonomamente (e allora?), ma nessun cenno alla vicenda. Come se sapere l’inglese ed essersi laureata con il massimo dei voti scagionasse da qualsiasi accusa. E allora come giustificare quanto fatto e detto dal premier? Una sola risposta: Silvio Berlusconi, senza alcun argomento valido (semplicemente perché non ne ha, perché quanto detto in trasmissione, essendo vero, è inattaccabile), interviene – come suo solito –  per delegittimare, per distorcere la realtà. E come? Nel modo classico dei “berluscones”: offendendo, impedendo all’altro di controbattere. Il risultato è chiaro: oramai il re è nudo, cafone (come rivelato giustamente da Lerner), maleducato e malato (come rivelato, invece, già qualche tempo fa dall’ex moglie Veronica Lario).

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 9.0/10 (9 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: +3 (from 3 votes)

di Vincenzo Barbato

litaliasecondome.blogspot.com

Dopo il recente video che conta decina di migliaia di visualizzazioni su youtube ho l’onore di intervistare la piccola grande donna Mariluna Bartolo, giornalista che senza alcun timore ha voluto spiegare al Presidente del Consiglio che non tutte le minorenni sono stupide e che non sono a sua disposizione per giochetti sessuali.

Cominciamo!
E’ sempre difficile parlare di se stessi… Vorrei cominciare dicendoti che a 12 anni ho iniziato a leggere libri “impegnati”, Oriana Fallaci, per lo più. Dopo ho scoperto giornalisti del calibro di Travaglio, Biagi e Montanelli.
La mia prima intervista l’ho fatta a 15 anni ad un giornalista, Marco Travaglio. Ora a quasi 17 anni, sotto gli attenti insegnamenti di Enzo Di Frenna (giornalista di Roma, allievo di Montanelli), sto cercando di imparare il mestiere di giornalista.

Mariluna innanzitutto come stai? Sei diventata famosa per un iniziativa bellissima, che riscontri hai avuto dopo il video e la creazione del gruppo Facebook?
In questi giorni sono al settimo cielo, il video sta andando davvero alla grande, contiamo di fare un flash-mob per portare le firme a Palazzo Chigi.

Come ti è venuta in mente questa semplice ma incisiva iniziativa?
C’è venuta in mente a me ed a Enzo dopo aver guardato i telegiornali, eravamo al telefono, abbiamo stabilito un giorno in cui io dovevo scendere a Roma per registrare il video, non ci saremmo mai aspettati dei risultati simili…

Farai altri video o lettere che purtroppo non saranno mai recapitate al premier?
Spero non ce ne sia bisogno… spero che non si ricandidi più o almeno che non venga più votato. Te lo immagini se finisse in carcere? Io ho addirittura uno spumante… lo tengo lì proprio per quel giorno! Chissà se lo stapperò mai…L’esperienza del video è stata strepitosa da questo punto di vista vorrei ripeterla. Magari la prossima sarà una lettera ad Andreotti o a Minzolini.
La stampa estera e l’Europa ormai dichiara di essere solidale con l’Italia per aver un premier che ha gettato il buon costume nella spazzatura, avete pensato di andare oltre confine per parlare di questo problema?
Beh, andare fuori dall’Italia in questi mesi è difficile per me. Ho da seguire la scuola… Però mi piacerebbe davvero! Comunque abbiamo già oltrepassato i confini! Mi sono arrivati commenti dalla Svizzera e dall’USA!

Secondo te c’è un alternativa politica a Berlusconi?
Ora come ora no… a parte i grillini… però è ancora un movimento giovane. Io fossi maggiorenne voterei loro, conosco quelli della mia città e sono stata a Woodstock cinque stelle. La sinistra fa davvero schifo, sembrano addormentati.

Come mai gli italiani ingoiano tanti bocconi amari senza far nulla, a parte te ovviamente, abbiamo perso la forza di indignarci?
Non sono l’unica ad indignarmi. Tantissime altre persone lo stanno facendo, anche solo guardando il gruppo di facebook si vede! Certo diventa sempre più difficile guardare la realtà e seguire dei principi. Per fortuna la maggior parte dei miei coetanei non è incantata come può sembrare.

Secondo te l’ Italia ti da l’ idea di essere un paese democratico?
Se Democrazia (apposta con la D maiuscola) significa che il potere è in mano al popolo allora l’Italia non è in uno stato di democrazia. Cioè formalmente lo siamo, formalmente votiamo ecc… però realmente non siamo in democrazia perchè un uomo è più uguale (o si sente più uguale) degli altri. Basti pensare che può permettersi di giudicare rossi i pm… In più si cerca di fare leggi ad personam. Non possiamo più tenere la testa bassa. E’ l’ora di alzarci e di guardare il panorama politico, fin ora siamo stati chinati a subire le prepotenze, intenti nel cercare la vita tranquilla.

Cosa vorresti dire ai ragazzi della tua età oggi dopo tutto quello che sta accadendo?
Vorrei dirgli di smettere di guardare quei programmacci alla televisione o almeno di informarsi correttamente. Inoltre, vorrei dirgli di cercare di cambiare le cose. Ma alla fine sono loro che decidono… mi sento spesso come un usignolo che canta speranzoso ma che spesso canta solo per se stesso.

Ora voglio farti una domanda io… Secondo te cosa penserebbero Montanelli e Garibaldi?

Secondo me Garibaldi ci ripenserebbe 2 volte prima di sacrificarsi insieme ai 1000 per unire l’Italia. Per quanto riguarda Montanelli lui già aveva previsto tutto questo: a parte gli scandali sessuali che sono di minor importanza visto il passato di B, la sua lungimiranza era spaventosa, di sicuro avrebbe fatto la fine di Travaglio o Vauro, ovvero intervenire gratis nelle trasmissioni!
Ti dico un’ultima cosa, non sei sola, sembri sola perché nè nei media nè per strada la gente ha il coraggio di farsi avanti, perché convinta come te di essere sola. Dobbiamo uscire tutti fuori senza paura. Perché poi dovremmo averla? Cosa diciamo di sbagliato?

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 10.0/10 (6 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: +4 (from 4 votes)

Francesco Barbaro è una vecchia conoscenza del blog “Lo Specchio“, oltre che essere un nostro carissimo amico. Ha collaborato con noi in diverse occasioni, ma non sapevamo nulla delle sue doti da preveggente. Questa canzone è stata scritta da Francesco nel 2008. Ben due anni prima che scoppiasse il caso di cui tanto parliamo, il cosiddetto “Ruby-gate“. Come lui stesso dice: “Se l’avessi cantata allora, non sarei stato creduto”. Eppure ora la canzone è assolutamente la fotocopia della situazione attuale: un Papi, molte figlie che si “concedono” nella speranza di diventare “una celebrità” e, soprattutto, tante, tante, tante promesse. Bravo Francesco!!!

Figlia, io che son tuo padre – figlia, io che ho fatto te
figlia, chi mai troverai che ti voglia bene come me?
Figlia, allora tu mi credi se ti dico quel che ti dirò -
se ti dico che quel che ti dico per il tuo bene solo lo dirò?

Figlia, ascolta il mio consiglio
ti parrà forse insano
ti giuro, non lo è:
c’è qui il presidente del consiglio
che ti tende la mano,
ti vuole un po’ con sé…
figlia, corri, vagli incontro – aspetta solo te!

Il presidente è forse un poco anziano, ma cosa te ne importa dell’età?
L’uomo è buono fino a quando conserva intatta la virilità.
Lui gli anni non li dimostra affatto, pare nel fiore della gioventù
e se si è fatto far qualche magia, ne avrai bisogno un giorno pure tu.

Figlia, lo so che sei fanciulla
lo so che sei impaurita
ma tutto bene andrà.
Non c’è ragione di temere nulla:
son cose della vita,
sono opportunità.
Figlia, se non approfitti non ricapiterà!

Che cosa importa se tu non lo ami e perdi con lui la verginità?
Ti prego, sii senza pregiudizi: è cosa brutta la moralità!
Ti prego, dai, usa la ragione: chi non la sogna una cosa così?
Si tratta solo di due notti, immagina se tu dirai di sì…

Figlia, diventerai famosa
credimi, è tutto vero
una celebrità.
Se riuscirai ad essere graziosa
magari un ministero
in premio ti darà.
Figlia, chiamalo anche padre: onore ci farà!

TESTO E MUSICA DI F. BARBARO

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 8.3/10 (8 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: +3 (from 3 votes)

di Carmine Gazzanni

Ci vada lei (Nicole Minetti, ndr) ai banchetti e ai gazebo, magari in compagnia delle zoccole procacciate da Lele Mora”. Si penserà: chi mai avrà detto una frase del genere? Desterà, forse, meraviglia, ma anche nelle file del Pdl ci sono uomini e donne che non possono accettare che nel loro partito ci siano persone preposte esclusivamente a portare donne ad Arcore.

A tuonare con questa dichiarazione, infatti, è stata una giovane consigliera di zona, lunedì scorso, a una riunione del Pdl lombardo. Stiamo parlando della venticinquenne Sara Giudice. E non era nemmeno la prima volta che la ragazza mostrava il suo disappunto per il ruolo nel partito di Nicole Minetti, come rivela “La Repubblica” in un articolo a firma Rodolfo Sala: “la ragazza si era fatta sentire pure la primavera scorsa, quando si seppe che l’igienista dentale di Berlusconi sarebbe stata inserita nel listino bloccato di Formigoni, e quindi automaticamente eletta in consiglio regionale”. Ed ora la giovane Sara Giudice torna a rincarare la dose: “Il popolo del centrodestra ha la dignità delle persone semplici, che si mette in politica perché ha voglia di fare, nel Pdl c’è bisogno di ripensare totalmente al modo di selezione della classe dirigente; sono sempre di più quelli che come noi si sentono traditi, confusi e smarriti”. E chi mai sarà il responsabile di tutto questo? Sara gioca a carte scoperte e, come riportato ancora da “La Repubblica”, dichiara: “Sono stufa di sentir dire che lui aiuta la gente, come ha fatto anche la Gelmini da Vespa, io e tanti miei coetanei non vogliamo essere aiutati con la carità o con qualcosa di peggio, ma con università migliori, un nuovo welfare, opportunità vere per tutti”. Dunque, anche all’interno del Popolo della Libertà c’è chi comincia a capire l’irresponsabilità – morale prima ancora che giuridica – di Silvio Berlusconi. Per il momento, intanto, i giovani pidiellini lombardi stanno raccogliendo firme (per ora sono a quota 1500 circa) contro la consigliera regionale, una raccolta firme per cacciare Nicole Minetti, eletta in consiglio regionale nella lista “privata” di Formigoni ma oggi nel gruppo del Pdl in Regione.

Ma allora chiediamoci: chi è Nicole Minetti? Probabilmente fare chiarezza su questo punto potrebbe essere importante per capire la levatura politica della giovane e fida berlusconiana.

Venticinque anni, prima ballerina in tv a Colorado Cafè e a Scorie, poi igienista dentale personale di Berlusconi, infine consigliere regionale in Lombardia. Una ragazza alla quale la televisione è sempre interessata. Guido Cavalli, produttore di Scorie, in un’intervista a “Il Fatto Quotidiano”, infatti, ha dichiarato che “la ragazza acqua e sapone ha cominciato a ritoccarsi le labbra, segno che quel lavoretto part-time per lei significava qualcosa di più”. E non finisce qui: “già alla seconda edizione Nicole chiedeva alle costumiste di far scendere un po’ di più la scollatura”.

Ma alla fine si è ritrovata in politica, anche se le questioni di cui si occupa non hanno nulla di politico. Eppure, nonostante questo, è evidente quanto la Minetti tenesse a cuore queste impellenze del premier: quando, dopo la chiamata del premier in questura tra il 27 e il 28 maggio (quella famosa in cui Berlusconi dichiara che Ruby è imparentata con Mubarak) la ragazza viene liberata, Nicole Minetti è proprio lì, davanti alla questura. Stando a quanto stabilito dal Pm, la Minetti avrebbe dovuto accompagnare la minorenne in una comunità (“la signora MINETTI N. si offriva di prendere in affidamento la minore e di provvedere per ogni necessità a carico della stessa, consapevole delle conseguenze giuridiche in caso di non ottemperanza agli oneri dell’affidatario”). E invece?

Nulla di tutto questo: Ruby viene “affidata” a Coincecao Santos Oliveira Michele, professione escort. Era stata la stessa Michele ad avvisare Berlusconi che la minore era stata fermata (almeno così ha dichiarato a “Il Corriere della Sera”). In che modo? Aveva il numero di telefono del premier. Per ogni eventuale “emergenza”. Ma non è finita qui. Pare, infatti, che la Minetti fosse preposta anche al listino prezzi, per così dire. In una conversazione con Fede, infatti, dichiara: “Pompini a trecento euro. La notte a trecento euro. Maristella (ricordate? La ex de “La Pupa e il Secchione”) l’ha dovuta allontanare. Lavorava con uomini che vomitavano in macchina. L’hanno trovata in macchina con droga e un coltello”.

Dunque se per Berlusconi “Nicole Minetti è una giovane donna brava, preparata, che sta pagando ingiustamente il suo volersi impegnare in politica”, c’è chi, anche nel Pdl, nutre un’idea diversa di “politica”, di “bravura”, di “preparazione”.

VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 6.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.6_1107]
Rating: 0 (from 4 votes)

De Magistris, Donadi e Tinti

Pino Maniaci e Giulio Cavalli

Arianna Ciccone

Perugia: tre ragazzi arrestati. Parla Leonardo.

Il Parco-Discarica delle Testuggini

La realtà “allo Specchio”

Abbiamo deciso di fondare questo blog per il forte interesse che nutriamo per la politica attuale, per le “magagne” attuali, insomma per tutto ciò che, ahimè, ci circonda. Anche il nome di questo blog è molto significativo: innanzitutto, richiama alla mente una massima di uno dei più grandi giornalisti italiani, Enzo Biagi, ma soprattutto ci piaceva l’immagine di questo blog che, come appunto uno specchio, riflette la realtà, riflette SULLA realtà traendo delle conclusioni che, speriamo, siano valide ed utili per noi e per tutti coloro che decideranno di visitare questo blog. D’altronde qual è l’utilità di uno specchio? Vedere, vedersi per rendersi conto di quello che non va, per aggiustarsi, per migliorarsi … ecco, speriamo che questo blog possa “riflettere” il mondo in cui viviamo per meglio capire cosa c’è che non va e , soprattutto, possa FAR riflettere!!! L’interesse, però, non sarà rivolo solo alla politica, ma anche alla musica, alla satira e ad altri “campi” che non vogliamo rivelare per non rovinarvi la “sorpresa”. E allora, buona lettura (e non solo) su “Lo Specchio“!

Pubblicità